Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Masciarelli e Coniglio pronti alla "carovana teatrale" da Bassano Romano a Tuscania, passando per Caprarola

Teatro e Cinema
Font

BASSANO ROMANO - Sarà proprio il paese nella Bassa Tuscia a battezzare il progetto teatrale di Fabrizio Coniglio e Stefano Masciarelli: doveva nascere un drive in e invece si estende e diventa una carovana culturale che arriverà fino a Tuscania.

Pin It

Lo avevamo annunciato in queste pagine (leggi Drive in teatrale nella Tuscia: una magia targata Fabrizio Coniglio & Stefano Masciarelli) e tutto sembrava indirizzato verso la creazione di più strutture, tra Bassano Romano e Caprarola. Poi è venuto l'interesse di Tuscania e anche Viterbo, che molto probabilmente ospiterà un appuntamento nella stagione estiva che sta organizzando l'assessorato alla cultura.

Nasce così una micro stagione che coinvolte la provincia, a basso impatto economico, che arricchirà le piazze dei paesi, con ingresso gratuito, contingentato e nel rispetto delle disposizioni anti covid-19, refrain ormai assodato per questa estate.

"Ringraziamo le amministrazioni, fatte da giovani con tanta voglia di fare, che hanno creduto in questo progetto, che vuol dire rinascita del teatro - commenta il regista Fabrizio Coniglio -.Oggi abbiamo firmato il primo contratto teatrale 'post quarantena' per il nostro spettacolo 'Stavamo meglio quando stavamo peggio?'., che porterà in scena il 4 luglio con Stefano Masciarelli e Diego Trivellini. Nel leggere tutti i punti dell' accordo, che solitamente era per me un' azione fredda, insignificante, oggi, invece, mi sono emozionato. Mi è venuta la pelle d'oca. Evviva il teatro".

Il primo appuntamento, sabato sera, sarà proprio nell'anfiteatro bassanese, e sarà annunciato "in pubblica piazza" con una sfilata in carrozza, trainata da cavalli per le vie del paese, una sorta di circo teatrale per fare festa con il pubblico.

Il drive in, ancora da decidere se con auto o organizzato come una sorta di pic nic nella natura, sarà concretizzato il 25 luglio, nella "Fattorita", nel territorio di Bassano Romano, dove Sarah Biacchi proporrà "Edith", l'omaggio all'indimenticabile voce di Edith Piaf.

Il 19 luglio inaugurazione della stagione caprolatta, nel bellissimo terrazzo del Teatro Stefani, che apre per la prima volta al pubblico. Sul palco sempre Coniglio, sempre insieme a Masciarelli, con “Un ladro in casa”, dedicato al dramma dei truffati dagli istituti di credito, con il racconto delle cause vinte da tanti risparmiatori. Questo spettacolo sarà proposto anche a Tuscania il 1° agosto e in piazza a Bassano il 2.

Tuscania quindi, che aprirà la carovana artistica nella piazza davanti al Comune, il 12 luglio, con uno spettacolo tutto al femminile: “Ti regalo gli occhi miei”, dedicato a Gabriella Ferri, connubio di due artiste eclettiche, Vanessa Cremaschi (voce, violino e pianoforte) e Giovanna Famulari (violoncello, pianoforte e voce). Sempre davanti al Rivellino arriveranno di nuovo Masciarelli e Coniglio con 'Stavamo meglio quando stavamo peggio?'

Ancora a Capararola il 26 luglio un nuovo appuntamento con la storia recente: Bebo Storti e Fabrizio Coniglio portano in scena “Suicidi? Tangentopoli in commedia”, adattamento ironico e attuale da Tre suicidi eccellenti di Mario Almerighi. Uno studio dettagliato sulle tante contraddizioni di morti eccellenti, forse troppo velocemente archiviate come suicidi. Infine chiuderà il 2 agosto Roberto Ciufoli con il suo "One man show".

"Lo voglio sottolineare - conclude Fabrizio Coniglio - non ho nessuna intenzione di impossessarmi di cartelloni o organizzare stagioni, tra l'altro non ho alcun compenso quale direttore artistico. In questa fase può essere utile avere un personaggio che funga da spartiacque e attiri l'attenzione; chi meglio di Stefano Masciarelli, che a Bassano è cresciuto può farlo? Inoltre diamo molto spazio alle colleghe, con una forte presenza femminile. Volevamo solo dare un segnale di militanza teatrale e dimostrare che tutto è possibile, quando si vuole".

Teresa Pierini