Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

"I percorsi del gusto nel Lazio" quindici itinerari scelti da Roberta Micillo tra natura e degustazioni

Libri
Font

VITERBO - Dall’amore per la Natura e la passione per l’enogastronomia nasce un libro che segna un varco per nuove esperienze condiviso tra turismo, cultura e sapori.

Pin It

Esce oggi, 29 maggio, per Edizioni il Lupo la guida di Roberta Micillo "I percorsi del gusto nel Lazio" con 15 itinerari a piedi tra natura e degustazioni.

Riserve, parchi, sentieri, castagneti, valli, vecchi percorsi ferroviari, eremi, laghi, monti e pianure sono le cornici di diverse camminate per scoprire le bellezze naturalistiche del territorio abbinate a incontri con piccoli produttori per assaggiare le loro bontà eno-gastronomiche.

“L’idea del libro – afferma l’autrice nell’introduzione al volume - è nata nel 2022, dopo due anni in cui la pandemia COVID ha costituito un ostacolo allo svolgimento della vita comune e ci ha spinti ad apprezzare ancor di più il benessere del camminare in luoghi aperti e circondati dalla natura. Gli itinerari proposti sono di diversa difficoltà e sono accessibili ai camminatori a passo lento, alle famiglie con bambini, anche in passeggino, agli escursionisti con esperienza e condurranno alla degustazione di vini, oli e formaggi autoctoni".

L’opera comprende anche una selezione di aziende che rappresentano delle “nicchie” di artigianalità, i cui produttori - giovani imprenditori e imprenditrici agricoli - seguono la produzione dall’inizio alla fine, scegliendo le materie prime e garantendo la qualità degli assaggi. Si tratta di artigiani per scelta che difendono territorio e tradizioni e che accoglieranno i camminatori con i proprio racconti di vita e la descrizione dei loro prodotti laziali DOC in degustazione.

La guida è pertanto rivolta a chi ha la curiosità di scoprire il territorio da un punto di vista naturalistico ma anche eno-gastronomico e culturale: oltre ai percorsi a piedi e alle mete di assaggio, sono compresi suggerimenti di visita a luoghi di interesse culturale quali borghi nascosti, abbazie, musei e piccole curiosità.

Una carrellata di paesaggi e di persone per un libro che ha l’obiettivo di valorizzare il Lazio mappandone la  bellezza dei luoghi naturali, la cultura e il gusto dei sapori artigianali.

L'autrice
Roberta Micillo fonda nel 2018 l’associazione “Percorsi Di…Vini” con cui organizza camminate di varia difficoltà abbinate a degustazioni di prodotti autoctoni. Sommelier FIS ed accompagnatore di escursionismo CSEN, è amante della Natura e appassionata di viaggi. Dal 2017 coordina viaggi trekking per “Avventure nel Mondo”.

INDICE

IL PARCO DELL’APPIA ANTICA E VIGNETI DELLA “TENUTA DI FIORANO” (Roma, RM)
IL MONTE TUSCOLO E LA MALVASIA INVECCHIATA DI “CASAL PILOZZO” (Monteporzio Catone, RM)
LA RISERVA DI TOR CALDARA E GLI ULIVI DELLA TENUTA CALISSONI-BULGARI (Anzio, RM)
I LAGHI DEL CIRCEO E I VINI DELL’AGRO-PONTINO (Fogliano, LT)
PUNTA FIENO A PONZA E I VITIGNI EROICI DELLE “ANTICHE CANTINE MIGLIACCIO” (Ponza, LT)
I SENTIERI DEL BRIGANTE GASBARRONE E L’OLIVA ITRANA (Sonnino, LT)
LA VECCHIA FERROVIA ROMA-FIUGGI E LA STRADA DEL VINO CESANESE (Piglio, FR)
L’EREMO DI SANT’ANGELO E IL GRAN CACIO DI MOROLO (Morolo, FR)
IL CASTAGNETO MONUMENTALE DI TERELLE E I VINI IN ANFORA “FRA I MONTI” (Terelle, FR)
IL LAGO DI BOLSENA E I VINI VULCANICI NATURALI (Gradoli, VT)
L’ANELLO DI BLERA TRA IL CANYON DEL BIEDANO E LE VIE CAVE E L’OLIO ETRUSCO (Blera, VT)
LA VALLE DEI CALANCHI E I SUOI VINI (Castiglione in Teverina, VT)
I PANTANI DI ACCUMOLI E I FORMAGGI DELLE TERRE MUTATE (Accumoli, RI)
I PIANI DI COTTANELLO, I FORMAGGI E IL MIELE D’ALTURA DELL’APPENNINO CENTRALE (Cottanello, RI)
LA RISERVA TEVERE FARFA E IL CASEIFICIO DELLE ECOFATTORIE SABINE (Poggio Mirteto, RI)