Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Le Idi di marzo attraverso la testimonianza del ciabattino di Bruto

Teatro e Cinema
Font

VITERBO - Il Festival internazionale Quartieri dell'Arte continua stasera, giovedì 22 settembre, al Teatro San Leonardo di Viterbo con uno spettacolo prodotto da Anonima Teatri. "Giulio", un testo firmato dal giovane autore e attore albanese Aleksandros Memetaj e diretto da Yoris Petrillo, racconta la vigilia delle Idi di marzo attraverso la testimonianza del ciabattino di Bruto. In scena, Beatrice Fedi, Caroline Loiseau, Fabio Pagano, Guido Targetti, Valerio Riondino e Umberto Gesi.

Pin It

Mentre Bruto e Cassio tessono le redini della congiura ai danni di Cesare, Giulio, un giovane ciabattino al servizio di Bruto, si ritrova nel posto sbagliato al momento sbagliato. Il ciabattino ha la possibilità di salvare la vita di Cesare, ma questo significa rischiare la propria. Potrebbe fuggire ma non lo fa. Messo alle strette da Bruto e Cassio, tradito da Porzia, affronta il suo destino, che ormai è pericolosamente legato a quello di Cesare. Giulio porta con sé una domanda fondamentale: e se tutto fosse semplice? Se l'unica regola da seguire in una società democratica fosse composta solo da tre parole: fare i bravi?

Aleksandros Memetaj - Nato a Valona (Albania), frequenta la scuola di recitazione "Fondamenta" (Roma), il Biennale College (Venezia)- workshop di alta formazione in drammaturgia e sound design con Letizia Russo e Franco Visioli e l'Ecole des maitres (Italia, Portogallo, Francia, Belgio), corso europeo di alta formazione attoriale con Tiago Rodrigues (2018). È autore e interprete di "Albania casa mia", per la regia di Giampiero Rappa (Premio Museo Cervi – Teatro per la Memoria e Premio Avanguardie 20 30 - Bologna), "Elogio della Follia #ilikedopamina", per la regia di Tiziano Panici, "ACHAB – All Chihuahuas Are Bastards", di cui firma anche la regia, e "Juliette", diretto da Loredana Parrella (Cie-Twain pshysical dance company). Nel 2019 riceve Premio "Giovane artista euromediterraneo" al New York Italian Theatre Festival. Come attore ha lavorato per il cinema e la televisione con i registi Cosimo Gomez, Alessio Cremonini, Federico Allotto e Lucio Pellegrini; in teatro è stato diretto da Francesco Polizzi, Giancarlo Sammartano, Francesco Giuffrè, Mario Borghi, Cristiano Vaccaro, Riccardo Rombi e Ciro Masella. 

Yoris Petrillo, attore e danzatore, figlio d'arte, comincia subito a lavorare accanto a grandi artisti come il Tenore Josè Carreras e viene diretto da registi quali Ugo Chiti, Franco Ripa di Meana, Ugo De Ana, nei più importanti Teatri italiani: Teatro alla Scala di Milano, Sferisterio di Macerata, Teatro Rossini di Pesaro. Si forma sia come attore che come danzatore con i maestri Loredana Parrella e Loris Petrillo. Segue workshops e masterclass con Anton Lachky, Wayne Byars, Giorgio Rossi, Roberto Lun, Salvo Romania, Roberto Cocconi, Edivaldo Ernesto, Laly Aiguade Farro, Peter Jasko per la danza; Piero Cherici, Roberta Nicolai, Peppe Barile, Massimiliano Civica per il teatro. Dal 2010 ad oggi è danzatore stabile di Cie Twain physical dance theatre.  Nel 2016 inizia una collaborazione con l'attore e regista Tiziano Panici per il progetto "Le Città Invisibili" di cui è autore delle coreografie ed interprete.

BIGLIETTI: €10/€5

INFO E PRENOTAZIONI Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.quartieridellarte.it